Nagiso: Cascate Otaki e Metaki

Home // Cascate // Giappone // Chubu // Nagano // Nagiso: Cascate Otaki e Metaki

Oggi vogliamo portarvi letteralmente dall’altra parte del mondo, per scoprire una meraviglia naturale situata lungo un’antichissima via di comunicazione. Stiamo parlando delle cascate Otaki e Metaki, che si trovano in Giappone, per la precisione sull’isola di Honshu, nella prefettura di Nagano. Per raggiungere le cascate si può partire da Magome o Tsumago, due graziosi villaggi dove il tempo sembra essersi fermato. Stradine acciottolate, abitazioni tipiche in legno, negozietti di souvenir e artigianato e sullo sfondo le montagne.

I due paesini sono collegati da un sentiero di 8 km che si addentra nella valle del fiume Kiso (uno dei principali del Giappone, lungo 229 km) e può essere percorso in entrambe le direzioni. Partendo da Magome fatto salvo il primo tratto il tracciato è principalmente pianeggiante o in discesa e può essere affrontato in 3-4 ore. Con i mezzi pubblici si può fare ritorno a Tsumago. Ci troviamo lungo l’antica Nakasendo, strada di origini medievali che collegava Tokyo con Kyoto. Sono numerosi i cartelli presenti su tutta la lunghezza del percorso ed è impossibile perdersi. Non mancano le aree di ristoro e si transita da bellissimi boschi di cipresso e piccoli nuclei abitati.

Circa a metà percorso si trovano i cartelli che indicano la deviazione per le cascate, che si trovano nel territorio del villaggio di Nagiso. Bisogna seguire le indicazioni “Otaki-Metaki Waterfalls”. Le cascate sono note in inglese come “Male and Female Waterfalls”. La Otaki è la cascata uomo, che si fa strada tra grosse rocce scure di forma cubica. La Metaki è la cascata donna, con un getto più stretto, alto e slanciato. Delle vere e proprie pozze naturali che presero questi nomi molto probabilmente nei tempi antichi in quanto venivano utilizzate come aree di balneazione separate: da un lato gli uomini e dall’altro le donne.

Questo luogo è anche legato alla letteratura: le cascate Otaki e Metaki infatti vengono citate nel romanzo Musashi, dedicato al famoso samurai Miyamoto Musashi, che visse a cavallo tra 1500 e 1600. Qui Musashi incontrava la sua amata Otsū. Il libro è stato scritto negli anni ’30 del 1900 da uno dei principali esponenti del romanzo storico giapponese, Eiji Yoshikawa, e ne sono state tratte diversi trasposizioni cinematografiche, teatrali e televisive.

Anteprime

Mappa

Come raggiungerle

Da Tokyo si prende il treno ad alta velocità Tokaido per Nagoya, quindi si prende un altro treno per Nagatsugawa, da cui si prende un autobus che in trenta minuti conduce a Magome, dove ha inizio il sentiero.
Se si ha a disposizione un’auto percorrendo la strada Nakasendo si può parcheggiare nei pressi delle cascate e raggiungerle in pochi minuti di cammino.

Per informazioni turistiche sull’area (in inglese): www.japan.travel

Ringraziamo i nostri fan Alessandro Grandi e Monica Serafini che ci hanno fornito il materiale fotografico di questo articolo.


Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 
Seguici sui social
Facebook  Twitter  Instagram  Youtube