Sacro Monte di Crea

Home // Sacri Monti // Italia // Piemonte // Alessandria // Sacro Monte di Crea

La Storia

La costruzione del Sacro Monte di Crea prese il via nel 1589 per volere del priore di Crea, Padre Costantino Massino, originario di Vercelli. L’idea del canonico era quella di affiancare all’esistente santuario, risalente al periodo romanico, una “città dello spirito” che potesse raccontare le storie della vita di Maria. Le prime cappelle ad essere costruite furono la numero 5 (la natività di Maria), situata proprio di fronte alla chiesa, e la 6, che raffigura la presentazione di Maria al tempio. Il progetto originario prevedeva la costruzione di 18 cappelle, ma ad inizio ‘600 l’arrivo di Padre Tommaso Piolatto portò all’ampliamento del progetto fino a 40 cappelle.
Ma per il Sacro Monte di Crea erano in arrivo tempi duri: le guerre di successione del Monferrato e la soppressione degli ordini religiosi sotto la dominazione napoleonica portarono a un periodo di saccheggi e abbandono. Solo nel 1859 iniziarono gli interventi di restauro, dal consolidamento degli edifici esistenti all’edificazione di nuovi. La Via Sacra giunta ai giorni nostri può così contare su un totale di 23 cappelle e 5 romitori, ovvero luoghi di preghiera dedicati ad un santo.

Itinerario di visita

Fatta eccezione per le prime tre cappelle, situate lungo la strada e il sentiero che conducono al santuario, tutte le strutture sono disposte lungo un itinerario ad anello che prende il via dal piazzale del santuario. E la visita non può che iniziare proprio dalla chiesa, che ospita importanti opere, come la Madonna con Bambino e Santi di inizio ‘500 e il ciclo di affreschi con le Storie di Santa Margherita d’Antiochia del XV secolo. Usciti dal santuario si inizia il percorso di visita con le due cappelle situate nel piazzale, per poi proseguire lungo il sentiero che si inoltra nel bosco, con ampie vedute sulla valle e numerose aree picnic. Il percorso è in piano fino alla cappella numero 8, quindi si sale dalla 8 alla 13 e dalla 13 si scende fino alla 18, da cui si risale alla cappella numero 23, situata in cima alla collina, che rappresenta la conclusione della Via Sacra. La cappella raffigura l’incoronazione di Maria ed è nota anche come “cappella del Paradiso”. È la più imponente e ricca di tutto il complesso, con oltre trecento statue. Venne costruita alla fine del ‘500 sulle rovine di un antico castello. Per visitare l’interno della cappella si può fare riferimento agli uffici del Parco di Crea. Per la discesa giunti alla cappella numero 18 si fa ritorno al piazzale del santuario, con la possibilità di visitare lungo il percorso alcuni romitori.
Tempo di visita: 1 ora 30 circa, lunghezza percorso 2.5 km, dislivello limitato.

Territorio ed escursioni

Il Sacro Monte di Crea si trova su una delle alture più elevate del Monferrato, alla quota di 455 metri sul livello del mare. Siamo in provincia di Alessandria, a pochi km dal confine con la provincia di Asti, in una delle zone vitivinicole più famose d’Italia. Un dolce paesaggio collinare che si può ammirare lungo la salita della via sacra, con la splendida silhouette delle Alpi piemontesi sullo sfondo. Ci troviamo all’interno della Riserva Speciale Sacro Monte di Crea, un’area protetta nata nel 1980 con una superficie di 47 ettari. Sono numerose le possibilità di escursioni nella zona, tra cui segnaliamo il sentiero numero 701 “Intorno al Bric Castelvelli” che prende il via proprio dal piazzale del santuario (segnaletica presente). Si tratta di un facile percorso ad anello di circa 3 ore che attraversa vigneti, boschi, prati e cascinali. Qui è possibile scaricare il pdf con la descrizione completa dell’itinerario.
Chi vuole invece cimentarsi con un percorso di più giorni può optare per l’itinerario escursionistico “Superga-Vezzolano-Crea”, che in 4 tappe e 64 km totali collega il Sacro Monte di Crea con la basilica torinese.

Anteprime

Video

Mappa

Tracciato GPS

Il gps prende il via dal parcheggio situato nei pressi del santuario e segue tutto il percorso delle cappelle in ordine numerico per fare poi ritorno al piazzale della chiesa.

Scarica

Come raggiungerlo

Dall’autostrada A26 prendere l’uscita Casale Monferrato Sud e imboccare la sp457 seguendo le indicazioni per Asti e Moncalvo. Giunti in località “La Madonnina” girare a destra per “Serralunga di Crea” e seguire poi le indicazioni per il Santuario di Crea.

Per informazioni: www.parcocrea.com

Il santuario è aperto dalle 7 alle 12 e dalle 14 alle 19 (18 nel periodo invernale).
Da vedere nei dintorni: Casale Monferrato è vicina, così come Asti, che dista solo 35 minuti.

Per informazioni sulla zona: www.alexala.it e www.monferrato.org

Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 
Seguici sui social
Facebook  Twitter  Instagram  Youtube