Sacro Monte di Brissago

Home // Sacri Monti // Svizzera // Ticino // Sacro Monte di Brissago

La Storia

Il Sacro Monte di Brissago, chiamato anche Sacro Monte dell’Addolorata o Sacro Monte Addolorato, è un complesso di origine settecentesca sorto alle spalle del borgo di Brissago. Il primo edificio ad essere costruito fu la chiesa dedicata alla Madonna Addolorata, realizzata nel 1709 dal capomastro Girolamo Tirinanzi di Cadogno su un alto sperone in mezzo alla valle, all’epoca chiamato Monte Capriccio. La struttura venne ampliata qualche decennio più tardi grazie al mercante brissaghese Francesco Antonio Branca, detto “Il Moscovita” per i suoi commerci in terra russa che lo avevano arricchito. Tra il 1767 e il 1773 la chiesa venne così allargata con due nuove campate, la sagrestia, l’abitazione del rettore e l’ospizio per i pellegrini.
L’interno del santuario è riccamente decorato in stile barocco e conserva la tomba del benefattore Branca, che fece costruire anche la strada d’accesso alla chiesa e le altre strutture del Sacro Monte.  Furono così erette la cappella d’ingresso al percorso, la via crucis e le due cappelle dei Giudei e del Calvario. Il complesso è stato oggetto di restauri dal 1975 al 2000.

Itinerario di visita

Il percorso di visita del Sacro Monte di Brissago prende il via dalla parte antica del borgo. Dal Municipio, a pochi passi dal lago, basta attraversare la cantonale per addentrarsi in Via Gerusalemme, dove si trova una piazzetta che introduce alla Gradinata del Calvario. A fungere da ingresso al Sacro Monte c’è la cappella detta “Porta di Gerusalemme”. La salita avviene per una scalinata che lambisce le abitazioni, scandita dalle stazioni della Via Crucis, impreziosite dalle opere realizzate nel 2000 dal cappuccino Fra Roberto. Salendo si aprono piacevoli scorci sul Lago Maggiore, in un paesaggio e clima sempre gradevole che fa di questa zona l’anima mediterranea della Svizzera. Poco più avanti il percorso incrocia la strada carrozzabile, ai lati della quale si trova la Cappella dei Giudei o della Flagellazione, di forma ottagonale. Alle sue spalle iniziamo a scorgere la sagoma del santuario, che appare in mezzo al verde con i suoi colori accesi. Lungo la via per la chiesa si trova anche una piccola area picnic con vista sul lago. Dal santuario basta proseguire pochi passi per giungere alla Cappella del Calvario, realizzata nel 1767, un’ampia nicchia dove trovano posto tre crocifissi realizzati da Domenico Gelosa.
Per il ritorno si può scegliere un percorso differente: di lato alla carrozzabile dopo l’area picnic si trova un sentiero che riporta a Brissago con un percorso in mezzo al verde a lato del fiume, il Sentiero del Mulino. Il percorso si conclude nel borgo dove spicca un antico ponte in pietra che sovrasta una piccola cascatella. In pochi passi si torna al municipio, da cui non può mancare una visita al vicino lungolago.
Tempo di salita: 30 minuti, dislivello 70 metri, lunghezza 1 km circa.

Territorio ed escursioni

Il Sacro Monte di Brissago colpisce per la sua collocazione solitaria in un promontorio roccioso nel bel mezzo di una natura selvaggia. Ci troviamo nella stretta e angusta Valle dei Mulini, dove scorre un corso d’acqua che porta proprio il nome di “Riale del Sacro Monte”. Un luogo di intima riflessione e pace, dove natura e spiritualità si sposano alla perfezione.
Il territorio di Brissago è ricco di sentieri e possibilità di escursioni. Bastano pochi minuti di auto dal lago per risalire fino alla località di Cortaccio (1067 m), da cui prende il via un sentiero panoramico che in circa 2 ore conduce al Rifugio Al Legn (1785 m), situato in una posizione privilegiata che domina sul Lago Maggiore. Da qui si può proseguire poi fino al Monte Limidario o Gridone (2188 m), la cima principale della zona, oppure scendere verso le Centovalli, fino al nucleo di Rasa.

Anteprime

Mappa

Come raggiungerlo

Arrivando dalla sponda lombarda del Lago Maggiore proseguire fino a Zenna, quindi seguire le indicazioni per Locarno. Arrivando dall’autostrada A2 Svizzera uscire a Rivera oppure Bellinzona Sud e seguire per Locarno. Superato l’aeroporto di Locarno alla rotonda successiva girare a sinistra e imboccare l’autostrada A13 Svizzera in direzione Locarno. Proseguire seguendo le indicazioni per Brissago. Giunti in paese è possibile parcheggiare nei pressi del Municipio.

Arrivando dalla sponda piemontese del Lago Maggiore superare Cannobio e continuare sulla litoranea fino ad entrare in Svizzera dal valico di Piaggio Valmara. In pochi minuti si giunge a Brissago.

Da vedere nei dintorni: le Isole di Brissago, Ascona e Locarno.

Per gli orari di apertura della chiesa consultare: www.ticino.ch
Per informazioni turistiche sulla zona: www.ascona-locarno.com

Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 
Seguici sui social
Facebook  Twitter  Instagram  Youtube