Canzo: Lo Spirito del Bosco

Home // Trekking // Italia // Lombardia // Como // Canzo: Lo Spirito del Bosco

Sopra l’abitato di Canzo, cittadina del comasco, si cela un bosco magico, che saprà senz’altro conquistare il cuore dei più piccoli… ma anche degli adulti! Stiamo parlando del sentiero “Lo Spirito del Bosco”, un percorso dove ci si sente catapultati in una favola. Un vero mondo della fantasia dove protagoniste sono appunto le creature del bosco, sculture in legno realizzate dall’artista Alessandro Cortinovis. Il sentiero è stato inaugurato nel 2008 ed è stato realizzato dall’ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste della Lombardia).

Ma procediamo con ordine: innanzitutto ecco qualche indicazione su come raggiungere il sentiero. Si parte dalla località “Fonti di Gajum”, frazione di Canzo situata a 480 metri di quota. Qui inizia una mulattiera nel bosco che in circa 30 minuti (per escursioni allenati) / 1 ora (per famiglie) conduce alla località Primo Alpe (725 m). Qui prende il via il sentiero “Lo Spirito del Bosco”, che ha una lunghezza di 1,5 km con dislivelli limitati e conduce fino alla località Terzo Alpe (800 m). Il tempo di percorrenza del sentiero è molto soggettivo e varia in base a quanto ci si sofferma alla ricerca delle sculture: si può stimare dalla mezz’ora fino all’ora abbondante. Per maggiori informazioni si può consultare a questo link il prospetto realizzato dall’ERSAF.

Il sentiero affascina fin dal principio: bisogna infatti attraversare un ponte di tronchi che funge quasi da portale per l’ingresso in un’altra realtà, un mondo fantastico popolato da spiriti di tutti i tipi. Ci sono gnomi, scoiattoli, serpenti, creature mitologiche… non ci si annoia insomma e la passeggiata diventa un vero gioco, soprattutto per i bambini. Il sentiero termina nei pressi di un agriturismo. Per il ritorno si può scegliere un altro percorso, il Sentiero Geologico Giorgio Achermann, molto interessante dal punto di vista didattico con cartelli informativi che raccontano la storia delle formazioni rocciose della zona. Lungo la discesa costeggeremo il torrente Ravella, incontrando anche marmitte giganti e sorgenti pietrificanti.

Anteprime

Mappa

Come raggiungere il sito

Chi proviene dall’autostrada A9 può uscire a Como centro e proseguire in direzione di Lecco. All’altezza di Erba si gira verso Canzo.
Chi proviene da Milano può seguire la ss36 verso Lecco e uscire a Bosisio Parini, quindi costeggiare i laghi di Pusiano e del Segrino fino ad arrivare a Canzo.
Giunti a Canzo attraversare il centro storico e imboccare Via Gajum. Si può lasciare l’auto alla fine della via, in località Fonti di Gajum, dove si trovano le indicazioni del sentiero. Parcheggi limitati. In caso di mancanza di posteggi si può lasciare l’auto in zona cimitero/mercato (via Rimembranze).

Da vedere nei dintorni: dal Terzo Alpe si può proseguire fino alla vetta del Monte Cornizzolo (1241 m), balcone panoramico verso i laghi brianzoli e la pianura.

Ringraziamo il nostro fan Stefano Grandi che ci ha fornito il materiale fotografico di questo articolo

Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 
Seguici sui social
Facebook  Twitter  Instagram  Youtube